Logo stampa
800 185 075 800 185 075

Impianto di selezione e recupero di Modena

Via Caruso 150, 41100 Modena

  • 1 / 1   Dettaglio di impianto

Impianto di stoccaggio, selezione, trattamento e recupero di:

  • Rifiuti Solidi Urbani (derivanti dalla raccolta differenziata delle frazioni mono e multimateriali secche effettuata dai Comuni)
  • Rifiuti Speciali non pericolosi (provenienti da attività produttive artigianali ed industriali)

Pagina aggiornata al 11 ottobre 2016

 
    Potenzialità annua di trattamento
    130.000 ton/anno
    Tipologia di rifiuti ammessi all'impianto
    Scarti di imballaggi in carta, cartone, vetro, plastica, lattine, legno, materiali ferrosi, materiali misti, ecc.
    Destinazione successiva dei rifiuti
    • Consorzi del recupero: CONAI (COMIECO, COREVE, RILEGNO, COREPLA, CIAL);
    • Impianti di recupero materia: carta, vetro, legno, plastica, alluminio, ecc., impianti di recupero energetico.
    Linee di trattamento
    4
    Efficienza di recupero
    60% - 65%

    I rifiuti in arrivo all'impianto vengono suddivisi per tipologia e sottoposti ad una procedura di controllo sulla qualità e conformità dei materiali.
    L'impianto è dotato di 4 linee separate di trattamento:

    • una linea è dedicata al trattamento delle frazioni monomateriali e/o multimateriali dei rifiuti urbani raccolti in maniera differenziata e speciali non pericolosi (linea automatica con lettori ottici), con successiva riduzione volumetrica;
    • una linea semi-automatica è dedicata alla cernita della frazione multimateriale/ingombrante dei rifiuti urbani raccolti in maniera differenziata e speciali non pericolosi;
    • due linee sono dedicate alla riduzione volumetrica dei monomateriali in ingresso, previo controllo qualità, o delle frazioni separate nelle altre linee di selezione sopra descritte.

    Nelle linee vengono effettuate in serie operazioni di selezione meccanica (lettori ottici, vagli, magneti, ecc.) e manuale delle frazioni presenti nei diversi flussi di rifiuti trattati, al fine di garantire una adeguata omogeneità merceologica per singola frazione recuperata attraverso l'eliminazione di scarti e materiali non destinabili a recupero.
    Il residuo della selezione viene avviato al recupero per la produzione di Combustibile Solido Secondario o al recupero per la produzione di energia o allo smaltimento finale in discarica controllata.

     
Mappa
Condividi