Logo stampa
NOTIZIE

Scart protagonista al RoGUILTLESSPLASTIC

Scart protagonista al RoGUILTLESSPLASTIC

Scart è il progetto artistico del Gruppo Hera che da oltre vent’anni sviluppa il tema dell’arte fatta con materiale di recupero: un’eccellenza capace di coniugare design e rispetto per l’ambiente, progettazione e riuso dei materiali. Tutti elementi chiave alla base dell’evento RoGUILTLESSPLASTIC  di Rossana Orlandi – gallerista milanese tra i volti più conosciuti nel mondo del design – che si svolge al Museo Nazionale Scienza e Tecnologia “Leonardo da Vinci” di Milano, dal 4 al 12 settembre. Per l’occasione SCART presenta “The Circular Lab” una grande installazione, realizzata per il giardino del Museo e che ospiterà gli eventi della manifestazione, e una mostra di ritratti visitabile al primo piano, nell’antisala del Cenacolo.

Cento cisterne riciclate danno vita all’installazione “The Circular Lab”
“The Circular Lab” è un’arena di 180mq, posta nel giardino del Museo e progettata dal prestigioso studio MC A – Mario Cucinella Architects e SOS – School Of Sustainability (programma post-laurea per la formazione di nuove figure professionali nel campo della progettazione sostenibile fondato da Mario Cucinella). L’arena è stata realizzata con 100 cisterne riciclate in  plastica – della grandezza di un metro cubo – rivestite da gabbie di ferro, che solitamente vengono utilizzate per la raccolta dei reflui di provenienza industriale. Come mattoni giganti, le cisterne sono state impilate per realizzare uno spazio dedicato agli eventi del RoGUILTLESSPLASTIC.  Alcuni elementi della struttura sono stati poi riempiti con film in plastica riciclata di varie forme e colori realizzati da Aliplast, l’azienda del Gruppo Hera leader a livello nazionale nel riciclo e rigenerazione della plastica. Partner nella realizzazione anche Artemide per le luci ed ESO Recycling per il pavimento realizzato con il riciclo di materiale sportivo esausto.

Tra i numerosi eventi previsti nell’arena SCART, anche il Dialog-Table,  In Genius Waste, del 7 settembre al quale parteciperanno i rappresentanti dell’industria e delle istituzioni nazionali e internazionali, coinvolti a vario titolo  nell’economia circolare e nel re-Waste. Per il Gruppo Hera sarà presente il Direttore marketing e sviluppo iniziative di Herambiente Maurizio Giani.

Per partecipare virtualmente al Dialog-table In Genius Waste clicca qui.

La mostra Scart
Per tutta la durata del RoGUILTLESSPLASTIC, al primo piano del Museo Nazionale Scienza e Tecnologia “Leonardo da Vinci”, nell’antisala del cenacolo, saranno esposti alcuni ritratti realizzati da SCART con materiale di recupero; tra questi, quattro sono dedicati ad altrettante donne coinvolte a vario titolo nel RoGUILTLESSPLASTIC: la gallerista Rossella Orlandi, la sorella dell’attuale emiro del Qatar Sheikha Al Mayassa bint Hamad bin Khalifa Al Thani, la principessa ereditaria H.R.H. The Crown Princess of Denmark e la giurista Livia Pomodoro, presidente del Milan Center for Food Law and Policy e titolare della prima Cattedra Unesco Food Access and Law dell’Università degli Studi di Milano. Completano l’esposizione SCART anche alcuni pezzi storici di design della collezione, tra i quali divani, poltrone, scrivanie e una scultura.

Guarda la fotogallery dell’evento del 7 settembre

Guarda la videogallery

Una storia lunga oltre vent’anni
In oltre venti anni di attività, tracciando una strada innovativa, capace di coniugare etica ed estetica, Scart ha realizzato una collezione di oltre mille pezzi fra componenti d’arredo e di design, sculture, quadri, strumenti musicali, costumi di scena e scenografie. L’ambizione del Gruppo Hera, una delle maggiori multiutility italiane che eroga servizi ambientali, idrici ed energetici a circa 5 milioni di cittadini, localizzati prevalentemente in Emilia-Romagna, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Marche, Toscana e Abruzzo, è quella di raggiungere, grazie al progetto Scart, un pubblico sempre più vasto, attraverso un linguaggio trasversale come quello dell’arte, per sensibilizzare sui temi dell’economia circolare e invitando i visitatori delle sue mostre ad una più ampia riflessione sull’importanza di perseguire uno sviluppo economico e industriale che sia anche sostenibile.

 
Condividi